Spazzola pulitrice per bovini singola

La SPAZZOLA PULITRICE PER BOVINI SPAER (disponibile in 2 versioni: singola e doppia) è stata concepita per pulire le bovine e dar loro sollievo dai pruriti provocati dai parassiti che si nascondono sotto il loro manto. Le spazzole SPAER raggiungono il dorso ed il fianco delle bovine , massaggiando e pulendo l’80% del corpo dell’animale, rendendo quindi più efficace l’attività di pulitura del manto dei bovini. La finalità è quella di snellire e razionalizzare i costi rispetto alla tradizionale pulitura manuale.

 

 

La pulitrice è dotata di un microstart che, non appena un bovino entra in contatto con lo spazzolone, mette in rotazione il medesimo per procedere autonomamente alla pulizia dell’animale, senza richiedere l’assistenza di personale esterno. La spazzola è dotata inoltre di un sistema elettronico detto “salvacoda”, che permette al motore l’inversione di marcia tramite un rilevatore di sforzo, e di un meccanismo, posto nella parte inferiore della spazzola, che evita che la coda si incastri negli organi di movimento (cuscinetto).

La macchina è stata realizzata in conformità alle norme vigenti in fatto di sicurezza di persone e cose, rispettando i requisiti applicabili esposti nelle specifiche direttive.

 

01
01
02
03
04
05

 

Come da prescrizioni delle normative citate la macchina viene fornita con:

  • la dichiarazione di conformità emessa dal costruttore
  • l’apposizione del marchio CE
  • la targhetta indicante il nome del costruttore, il sito di realizzazione della macchina, il tipo e matricola della macchina e l’anno di costruzione

 

La macchina è costituita da:

  • un carter fisso (carpenteria in lamiera zincata da 5 mm) portante, predisposto per il fissaggio della macchina a strutture fisse;
  • una piastra basculante, imperniata sul carter fisso, sulla quale sono fissati gli organi di comando dello spazzolone, motoriduttore (con relativi tasselli ammortizzatori) e supporti orientabili (con cuscinetti) di azionamento spazzolone
  • un coperchio inferiore, grigliato smontabile per consentire l’areazione del motoriduttore ed intervenire sul finecorsa.
    P.S. Detta carpenteria, per ragioni di sicurezza, è strutturata per resistere ad eventuali rotture con proiezione di elementi metallici.
  • Un motoriduttore, funzionante a 1400 giri/min’, posto all’interno della piastra basculante, che aziona lo spazzolone.
  • Un microchip che entra in azione non appena la mucca entra in contatto con l’apparecchiatura, per mettere automaticamente in funzione lo spazzolone.
  • Un’apparecchiatura elettronica, protetta da un’apposita scatolatura, atta a:

    • regolare il tempo di rotazione della spazzolone (90 sec.)
    • regolare la corrente di inversione della rotazione dello spazzolone (10 sec.)
    • regolare l’intensità della pressione con cui fare intervenire la frenatura del sistema “salvacoda”
    • un salvavita
    • un salvamotore
    • una spia verde che segnala la presenza di tensione nell’impianto.

  • Uno spazzolone, opportunamente profilato e ruotante con 50 giri/min’ in uscita, fissato alla piastra basculante e comandato direttamente dal motoriduttore che:

    • segue, tramite il basculamento della piastra porta motoriduttore, il profilo del corpo mucca.
    • si blocca in presenza di pressioni eccessive.
    • inverte il proprio moto in caso di risucchio della coda dell’animale od i presenza di un qualsiasi pericolo per la mucca in fase di pulitura.

I dati tecnici della macchina sono i seguenti:

  • Tensione di alimentazione 230V, frequenza 50 Hz
  • Potenza nominale 800VA
  • Corrente nominale 4A
  • Peso dell’assieme 115 Kg
  • Dimensione dello spazzolone cm 50 X 1000
  • Pressione ottimale dello spazzolone sul corpo mucca da Kg 5 a Kg 10